Finalmente trasparenza. Ringraziamento ufficiale al Movimento 5 Stelle

lettera di riscontro Il Comitato Vola Gino Lisa non può che ringraziare il Movimento 5 Stelle per la documentazione acquisita e già offerta in visione. Studieremo il carteggio e solo dopo un'attenta analisi delle comunicazioni intercorse in questi tanti ( o meglio troppi) mesi tra la Regione Puglia e la Commissione Europea DG Concorrenza saremo in grado di poterci esprimere su eventuali responsabilità .

Vice Presidente, Avv. Maurizio Antonio Gargiulo .

Marialuisa

"Studierò il materiale. Intanto continuiamo a non avere risposte da nessuno. Nemmeno il Presidente Michele Emiliano ci ha degnato di una Sua parola, noi gli abbiamo scritto nelle scorse settimane in maniera molto garbata, evidenziando l'auspicio che cambiasse metodo rispetto ad un passato in cui nessuno ci ha mai dato risposte. Invece no, non si è premurato di dirci nulla. Quanto ai partiti, finora hanno pensato solo a sterili comunicati, non mi risulta che qualcuno sia entrato invece nel merito della vicenda. - In relazione al parere atteso dalla Commissione UE relativamente agli aiuti di stato- Non sappiamo se le ultime documentazioni integrative siano state, finalemnte, esaustive. La voce che circola è che la Commissione Ue potrebbe non riconoscere il suo placet per l'intero finanziamento pari a 14 milioni, ma che ne possa riconoscere il 75% . Se fosse così, il restante 25% andrebbe messo da Aeroporti di Puglia spa, in quanto società che ha fatto la gara di appalto per l'allungamento della pista del Lisa e come beneficiaria del finanziamento. La società può ammortizzare tale spesa tranquillamente, ha una concessione della durata di 40 anni.

Intervista tratta dal quotidiano "L'Attacco", di mercoledì 14 ottobre 2015

Presidente, dott.ssa Marialuisa d'Ippolito

 

1 Comment

  1. Maria Libera Testa

    Non conosco bene tutti i problemi per l’allungamento della pista del nostro aeroporto, ma mi sembra che uno di questi sia l’attraversamento della statale.
    Ora visto che il nostro territorio è per la maggior parte pianeggiante e sgombro di manufatti nessuno ha pensato di individuare un altro sito e vendere quello attuale? Si ricaverebbe sicuramente una bella somma e costruendo da nuovo avremmo un aeroporto più funzionale, moderno con minore spesa e in breve tempo